Proseguono i servizi di prevenzione generale e di contrasto ai reati predatori da parte dei Carabinieri, in special modo nei di luoghi di aggregazione giovanile. Dopo l’importante operazione nei giorni scorsi a Bagnolo Mella, che ha portato all’arresto dopo un rocambolesco inseguimento di due ladri, i Carabinieri sono intervenuti anche ieri sera in diverse situazioni.

Rissa alla cooperativa, spunta un coltello

Ieri sera alla Cooperativa Sociale in via Sauro due donne di origine nigeriana (di 33 e 28 anni) stavano litigando nell’appartamento adibito all’accoglienza dei profughi. Il diverbio si è fatto sempre più acceso, tanto che sono passate alle vie di fatto armandosi rispettivamente di un coltello e di una lametta da barba e procurandosi vicendevoli lesioni. Una è stata trasportata al Civile di Brescia e ricoverata per una lesione ai tendini flessori della mano destra (circa due mesi di prognosi), l’altra è stata dimessa dalla Poliambulanza dopo la medicazione per una ferita all’addome.

Sono state entrambe denunciate in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria per lesioni aggravate. La loro ulteriore permanenza in quella struttura di accoglienza è ora al vaglio della Prefettura.

Leggi anche:  Yemenita tenta di uccidere un militare: "Volevo il paradiso di Allah" VIDEO

Abuso di alcool fra minorenni

Sotto i riflettori dei militari anche la discoteca Florida, interessata a un evento giovanile per la fine dell’anno scolastico. Vari gli interventi dei Carabinieri, ma anche del Nucleo Operativo e Radiomobile,  soprattutto per il comportamento di numerosi minorenni giunti nella località con i più disparati mezzi: nelle prime ore del mattino la lenese è stata interessata da un ingorgo in prossimità della discoteca, causato dalle autovetture condotte dai genitori che si apprestavano a recuperare i figli). La serata è stata caratterizzata, da furti di cellulari e marsupi tra giovanissimi (fuori e dentro il locale, ma anche in paese), intemperanze dentro un bar, diverbi tra 15enni giunti in Ghedi già in stato di alterazione da abuso di alcol e, soprattutto, dal ricovero di un 16enne all’Ospedale di Manerbio per etilismo acuto (è stato dimesso questa mattina). Inoltre si è reso necessario l’intervento sanitario per altri 4 ragazzi che avevano bevuto in maniera smodata già prima di arrivare in discoteca, dove sono stati respinti.

TORNA ALLA HOME PAGE