La vicenda non è per nulla chiara, ma negli scorsi giorni è apparso in albo pretorio un lungo decreto di revoca dell’incarico per un responsabile di ufficio nel Comune di Toscolano Maderno. Nelle sei pagine del documento pubblicato dall’Amministrazione sono molti gli «omissis», ovvero le  parti mancanti (dal nome all’ufficio), ma tutti gli indizi portano verso un’unica direzione: il (a questo punto ex) comandante della Polizia locale Alessandro Costa.

Le teorie

Visto il totale riserbo del Comune e del sindaco Delia Castellini (firmataria del provvedimento), non è possibile avere la certezza sui fatti. Ma gli indizi parlano di un terremoto all’interno della Polizia Locale e il destinatario della revoca sarebbe proprio il comandate – molto probabilmente ora ex – Alessandro Costa. Nelle ultime settimane anche l’agente Diletta Zumbo era stata spostata all’ufficio SUAP e appena il giorno precedente alla revoca il vice commissario Faoro Werner era stato nominato vice comandante a partire proprio da giovedì 1 marzo, data da cui partiva il provvedimento per Costa. I primi provvedimenti della Polizia Locale per questo mese di marzo, inoltre, portano la firma proprio di Faoro Werner in qualità di responsabile.

Leggi anche:  Si masturba davanti ai ragazzini: denunciato un 25enne

Le cause

Sempre per il silenzio delle istituzioni e le cancellature sul decreto non è possibile per il momento dare motivazioni univoche, ma nel documento sono riportate frasi molto dure: “inosservanza delle direttive del sindaco, della giunta o dell’assessore di riferimento” e ancora “le motivazioni addotte dal dipendente dimostrino una responsabilità grave”.

Per ora fra silenzi e «omissis» la situazione resta in gran parte oscura, ma l’opposizione si è detta stupita dal provvedimento e promette degli importanti risvolti politici.

TORNA ALLA HOME