Picchia la moglie davanti al figlio minore, arrestato dai Carabinieri un 37enne originario del Marocco. Quello avvenuto nel fine settimana è solo l’ultimo di una serie di maltrattamenti domestici.

Picchia la moglie davanti al figlio minore, arrestato dai Carabinieri

Anni di violenze nei confronti della moglie convivente. Un 37enne originario del Marocco è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione di Darfo Boario Terme con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.
L’arresto è stato eseguito in Vallecamonica nel fine settimana.

Le liti precedenti e gli accessi in ospedale

I Carabinieri erano a conoscenza della situazione poiché l’anno scorso erano stati contattati per delle liti avvenute nel nucleo familiare. In quell’occasione la moglie aveva deciso di non sporgere denuncia. Erano stati eseguiti anche i controlli degli accessi in ospedale e di questi ai militari ne era balzato all’occhio uno risalente al 2017: in quella circostanza la donna aveva riferito di essersi fatta male a seguito di una caduta accidentale in casa.

Leggi anche:  Notte tranquilla SIRENE DI NOTTE

Le percosse e poi l’arresto

Nel week end si è verificata l’ennesima discussione nella quale la 30enne, connazionale del marito violento, è stata presa a calci e pugni alla presenza del figlio minore. All’arrivo dei Carabinieri sulla vittima erano ancora ben evidenti i segni delle percosse. Sul posto è intervenuto il 118 e la donna è stata accompagnata all’ospedale di Esine, ove le
sono state diagnosticate lesioni su varie parti del corpo con prognosi di 20 giorni. I Carabinieri hanno attivato la procedura del Codice Rosso e il marito violento è stato tratto in arresto. Il giudice ha convalidato la misura e applicato nei suoi confronti il divieto di dimora nel Comune di residenza e il divieto di avvicinarsi alla donna.

TORNA ALLA HOME PAGE