Grande azione della Guardia di Finanza. L’operazione “Ghost credits” ha portato infatti alla denuncia di 7 persone e al sequestro di oltre 4 milioni di euro.

Operazione Ghost credits

Si è conclusa l’operazione condotta dagli uomini del G.I.C.O. del nucleo di Polizia Tributaria
della Guardia di Finanza di Brescia. Le azioni, coordinate dalla Procura della Repubblica di Brescia e di Bergamo, hanno permesso di denunciare 7 persone.

Denunciati per false fatture

I personaggi coinvolti sono rappresentanti di fatto e prestanome di 3 società operanti in provincia di Bergamo, Brescia e Milano nel settore edile e di meccanica generale. In particolare, i controlli effettuati hanno evidenziato come le società “incaricate” di assumere lavoratori utilizzassero false fatture per crearsi un “bacino” di crediti fittizi. Questi venivano utilizzati per compensare. Quindi non venivano versati gli oneri previdenziali, assistenziali e fiscali riguardanti il personale dipendente.

Il sequestro

Dopo aver quantificato l’imposta evasa di 4 milioni di euro, i finanzieri hanno provveduto ad eseguire il sequestro di immobili, autovetture, quote societarie e disponibilità finanziarie nei confronti delle società e degli amministratori indagati. La Guardia di Finanza ha continuato così la sua azione di contrasto dell’evasione fiscale, la quale produce diversi effetti negativi per l’economia. inoltre ostacola la normale concorrenza fra imprese, danneggia le risorse economiche dello Stato e accresce il carico fiscale per i cittadini onesti.