Non risponde perchè gioca al pc mentre è di turno al Pronto Soccorso di Chiari. L’uomo è stato visto da alcune persone che si trovavano nella struttura e lo hanno ripreso.

Non risponde perchè gioca al pc: beccato operatore del Pronto soccorso

Ha ignorato una chiamata, con tutta probabilità un’emergenza perchè intento a giocare al pc. E’ stato beccato nella notte tra giovedì e venerdì, da alcuni utenti, un operatore del Pronto soccorso di Chiari. Troppo attento al gioco, dopo il continuo suono, secondo i testimoni, avrebbe anche rifiutato la chiamata. L’operatore avrebbe trasgredito la regola fondamentale, ovvero quella di rispondere prontamente al telefono e gestire immediatamente le emergenze.

L’Asst Franciacorta

L’ospedale ha immediatamente condannato il fatto e si sta operando per verificare quanto accaduto. “Abbiamo attivato le verifiche interne, ma mi preme sottolineare che il Pronto soccorso di Chiari, che conta circa 48mila accessi all’anno, è un buon Pronto soccorso, funziona bene e tutto il personale è altamente qualificato. Se c’è una mela marcia ringrazio chi ce l’ha segnalato. Anche io l’ho saputo questa mattina e abbiamo attivato il Consiglio di disciplina. Vedremo di affrontare la situazione. Mi preme però ringraziare ancora tutto il personale del Pronto soccorso. Ci sono 1.600 persone nell’azienda, ed è difficile sapere cosa fanno tutti. Non voglio mettere la croce addosso a nessuno: il Consiglio di disciplina è incaricato di stabilire cosa stesse facendo, e perché, questa persona e poi ci sarà il procedimento del caso”, ha commentato la direzione guidata da Mauro Borelli, il direttore generale dell’Asst.

Leggi anche:  Investe un bimbo e scappa: non convalidato l'arresto della 22enne

Borrelli, insieme al primario Andrea Roda, che gestisce il Pronto soccorso di Chiari, ha dunque immediatamente avviato tutte le indagini del caso.