Non accetta la fine del fidanzamento, entra in casa e picchia la ex. Un 34enne incensurato è stato arrestato a Darfo dai carabinieri di Breno.

Entra in casa e picchia la ex

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Breno hanno tratto in arresto in flagranza di reato un 34enne incensurato della Valtrompia che, in preda ad un attacco di ira e gelosia, ha picchiato la sua ex compagna, residente con la famiglia a Darfo Boario Terme. Sono stati momenti di terrore quelli che ha vissuto la 32enne che si è vista presentare fuori di casa l’ex compagno. La loro relazione, durata alcuni anni, si era interrotta da pochi giorni, ma il ragazzo non accettava la fine del rapporto e si era presentato per un tentativo di riconciliazione. La donna lo ha rifiutato e gli ha risposto che purtroppo non c’era più nulla da fare. A quel punto il giovane è andato su tutte le furie, ha danneggiato la porta d’ingresso e si è scagliato contro la ex fidanzata. Le ha sottratto il telefono cellulare per paura che chiamasse i Carabinieri e l’ha spinta in terra, trascinandola verso le scale. Durante l’aggressione la vittima è riuscita a divincolarsi e si è recata dal papà che era a letto e che, a causa di una patologia fisica, non era riuscito ad intervenire in suo soccorso.

Leggi anche:  Il Gruppo Volontari del Garda accoglie le Guardie Ecozoofile

La chiamata alle Forze dell’ordine

L’uomo ha subito allertato il 112 e nel giro di pochi minuti sul posto è intervenuta la pattuglia del radiomobile di Breno. Quando i Carabinieri sono entrati in casa hanno trovato la ragazza ristretta in un angolo del salone e il suo ex che continuava a urlare ed inveire contro di lei. I militari lo hanno bloccato e, dopo averlo accompagnato negli uffici di via Dassa, lo hanno tratto in arresto per violazione di domicilio aggravata e violenza privata. I Carabinieri, sulla base dei primi accertamenti svolti, ritengono che l’aggressione sia soltanto l’ultimo episodio di un escalation di violenze già poste in essere dall’arrestato durante il fidanzamento e certamente divenute senza controllo dopo la decisione della donna di terminare in maniera definitiva la relazione. Sottoposto a rito direttissimo il Giudice ha convalidato l’arresto e disposto il divieto di dimora nel comune di Darfo.

TORNA ALLA HOME