Pomodori, zucchine e melanzane? No, per un mantovano di 52 anni nell’orto era meglio coltivare la marijuana. E per proteggerla dai ladri aveva anche deciso di installare una telecamera.

La marijuana nell’orto

La scelta di coltivare la marijuana era stata presa da un mantovano di 52 anni, da tempo però residente a Remedello e con piccoli precedenti di polizia. Una coltivazione cui, evidentemente, teneva molto dal momento che per proteggerla dai ladri aveva deciso di proteggere il suo prezioso raccolto con una telecamera. Ma la sua attività non è sfuggita ai Carabinieri di Isorella che, ben attenti al territorio e addentro alle
indagini nel settore, avevano individuato un nuovo produttore per i consumatori della zona. Quando hanno fatto irruzione nel cortile i carabinieri hanno trovato 9 piante ben sviluppate con tanto di impianto per l’essicazione e per il supplemento di luce, prevedendo di continuare l’attività anche in serra e fuori stagione. L’uomo ha cercato di difendersi affermando che fosse tutta roba per uso personale ma sono comunque scattate le manette per il neo coltivatore. Il 52enne, dopo aver trascorso la notte ai domiciliari, è stato portato davanti al giudice del Tribunale di Brescia che ne ha convalidato l’arresto disponendo il rinvio del processo all’8 ottobre, su richiesta della
difesa.

Leggi anche:  Servono alcolici ai minori: nei guai un bar di Rudiano

TORNA ALLA HOME PAGE