Una notizia terribile: è morto Ettorino Valsecchi, 68enne di Palazzolo, presidente della prestigiosa Fondazione Nadia Valsecchi. E morto questa notte all’ospedale di Bergamo.

Morto tre settimane dopo l’incidente: Palazzolo piange Valsecchi

E’ morto dopo tre settimane dal terribile incidente avvenuto il 29 agosto a Capriolo. Inizialmente non sembrava in pericolo di vita. Ora verrà effettuata l’autopsia per capire la causa della morte. Questa la dinamica del sinistro. L’incidente era avvenuto sulla Sp469 alle 20.30 circa di giovedì 29 agosto e immediatamente era scattato il codice giallo. Sul posto erano intervenuti i soccorritori con le ambulanze, la Polizia Stradale di Salò e i carabinieri di Capriolo per la viabilità. A essere portati in ospedale erano stati i due conducenti delle auto: sulla Fiat 500, che viaggiava in direzione Capriolo, c’erano Valsecchi di Palazzolo e una donna di 40 anni, mentre sulla Seat Ibiza c’era un 22enne di Capriolo. I soccorritori di Adro, Bornato e Capriolo avevano fatto non poca fatica ad estrarre il giovane, che era rimasto incastrato nelle lamiere dell’auto.  Il conducente e il passeggero della Fiat erano stati portati in ospedale in codice verde, mentre l’autista della Seat era stato ricoverato in gravi condizioni. La prognosi era ancora riservata. Inizialmente, dato che quando gli agenti e i militari erano arrivati sul posto c’erano solo le due auto, sembrava che si fosse trattato di un semplice frontale fra veicoli che provenivano dai sensi di marcia opposti. Ma a far insospettire le Forze dell’ordine erano stati alcuni pezzi di un altro mezzo, presenti sulla strada proprio sulla curva teatro dello scontro. Contattata la Polizia Locale di Capriolo e Palazzolo, gli agenti della Stradale avevano visionato le telecamere e, grazie anche alle testimonianze raccolte e al numero di targa del camion, sono risaliti a un clarense di 59 anni. L’uomo, alla guida del mezzo pesante e diretto verso Palazzolo, aveva urtato la Fiat che proveniva dal senso opposto proprio in curva: l’auto aveva poi perso il controllo ed era finita contro la Seat. Il 59enne era stato raggiunto a casa dagli agenti e dovrà rispondere di omissione di soccorso, fuga e guida in stato di ebbrezza. Ora si attendono risposte dall’ospedale Papa Giovanni XXIII dove l’uomo era ricoverato da quel giorno.

Leggi anche:  Polizia urbana, il Consiglio di Stato contro il Comune di Palazzolo

La Fondazione Valsecchi

La Fondazione Nadia Valsecchi e’ una associazione senza scopo di lucro con l’obiettivo di sostenere la ricerca scientifica per la cura e la prevenzione del cancro del pancreas.La fondazione e’ dedicata alla memoria di Nadia Valsecchi (moglie di Ettorino), venuta a mancare prematuramente e repentinamente a causa di questa malattia. Dopo questa esperienza la nostra famiglia ha deciso di creare un’ associazione che possa aiutare a fare luce su una malattia ancora poco conosciuta sostenendo la ricerca scientifica e aiutando le strutture sanitarie nell’assistenza degli ammalati colpiti da questo male. Sappiamo di non essere soli in questa battaglia e confidiamo nell’aiuto di tante persone che come noi e con noi contribuiranno a combattere il cancro del pancreas.

Imprenditore e consigliere comunale

Valsecchi era anche un noto imprenditore della zona e in passato era stato anche consigliere comunale nelle file della Lega. Ma ormi era un volto noto per il ruolo di presidente della prestigiosa Fondazione.

TORNA ALL’HOMEPAGE