Come abbiamo raccontato, nel pomeriggio di ieri un drammatico incidente tra un’auto e un Tir ha causato la morte di un 45enne tedesco, manager del Penny Market.

L’incidente e le fiamme

Erano passate da poco le 16 quando, per cause ancora da chiarire, il 45enne manager del Penny alla guida della sua Bmw X4 è andato a schiantarsi contro un’autoarticolato quasi fermo sulla corsiadestra a causa della coda formatasi per un altro incidente a circa 2 km di distanza.

Lo schianto, violentissimo, ha causato l’incendio della vettura partito dallo scoppio del motore distrutto della Mbw. Le fiamme hanno avvolto l’auto e il 45enne, carbonizzando l’intero rimorchio del camion che fortunatamente il camionista è riuscito a sganciare evitando un’ulteriore tragedia.

Morto carbonizzato sulla A21: era un dirigente del Penny

L’invano arrivo dei soccorsi

Gli operatori del 118 sono intervenuti tempestivamente con un’ambulanza, un’auto medica e persino un elisoccorso da Brescia: purtroppo i tentativi di rianimare il 45enne estratto dall’abitacolo sono stati vani. Anche i Vigili del fuoco sono naturalmente intervenuti per domare le fiamme che illuminavano l’A21, riuscendo a spegnere il fuoco senza ulteriori disastri.

Leggi anche:  L'ultimo addio ad Armando Gardoni, storico commerciante orceano

Il camionista è stato sottoposto ad accertamenti clinici ma sembrerebbe non aver riportato alcun trauma dopo quanto successo.

Indagini in corso

Sarà il giudice a decidere se sia o meno necessario effettuare un’autopsia sul corpo del manager tedesco. L’uomo era spesso in Italia per affari, probabilmente anche ieri si trovava per lo stesso motivo in zona: fra Brescia e Cremona sono diversi i punti vendita Penny market, uno fra l’altro a Verolavecchia, non distante dal punto della tragedia.

Ad indagare sulla dinamica dell’incidente della morte è la Polizia stradale che ha aperto un indagine.

LEGGI ANCHE: Scontro tra auto e tir in A21: un morto. Autostrada chiusa tra Cremona e Brescia Sud VIDEO