È il Sindaco Mario Fraccaro a fornire gli ultimi aggiornamenti sull’allarme polmonite che ha colpito la Bassa Bresciana e a dare le indicazioni che tutti stanno aspettando con il fiato sospeso.

Le rassicurazioni del sindaco Fraccaro

Sono stato convocato oggi pomeriggio dal Prefetto assieme all’Assessore regionale al Welfare, al Questore, al Direttore generale di Ats Brescia, al Comandante provinciale dei Carabinieri e dei Nas e ai sindaci della Bassa bresciana. Solo il 10% dei casi di polmoniti sono dovuti a legionella ma questo dato è fisiologico considerando che anche nel 2017 in Lombardia si verificarono circa 600 casi simili.

I risultati definitivi delle analisi

Mi sento dunque di rassicurare la popolazione. I risultati ufficiali delle analisi saranno comunicati lunedì prossimo da Ats, ma l’epidemia di polmoniti è in calo. In attesa dei dati definitivi è bene sapere che non vi è nessun allarme sanitario e che tutto è destinato a rientrare nella norma. Sarà tuttavia compito della mia Amministrazione comunale fornire quotidianamente tempestiva informazione a tutti i cittadini sia tramite i canali social sia tramite gli organi di stampa nella maniera più trasparente possibile.

Nessun pericolo per il consumo di acqua domestica

Le rassicurazioni del Sindaco di Montichiari, congiuntamente a quelle dell’Assessore regionale Giulio Gallera, vertono anche sul consumo dell’acqua domestica per il quale non si incorre in nessun rischio.

Leggi anche:  Autovelox: in centro a Travagliato ce ne sono dieci

La legionella, unico batterio rintracciato al momento, non si contrae infatti bevendo l’acqua ma solo laddove questa venga nebulizzata e quasi esclusivamente in soggetti con scarse difese immunitarie. I campionamenti delle acque, come ha dichiarato il numero uno dell’Ats di Brescia Carmelo Scarcella, sono stati effettuati su 111 punti diversi divisi fra acquedotti, pozzi, fontane e torri di raffreddamento di aziende.  Da non dimenticare anche che la polmonite batterica rimane molto meno grave rispetto a quella virale poiché non è contagiosa ed è più semplice da debellare.

L’assessore regionale assicura i cittadini

Epidemia in calo a Montichiari

Grave 29enne di Roe’ Valciano

Polmonite, cosa fare

Legionella: grave 55enne di Carpenedolo

138 contagiati per polmonite

“Pensiamo sia batterica”

Legionella, a scuola solo acqua in bottiglia