Continua l’incubo meningite sul lago d’Iseo, fra Bergamo e Brescia: in seguito alle cinque infezioni da meningococco registrate, è stata avviata un’importante campagna vi vaccinazione (finora coinvolte 1800 persone). Ieri il vertice in Prefettura a Bergamo con l’assessore regionale alla Sanità Giulio Gallera (IL VIDEO INTEGRALE).

I casi accertati fino ad oggi di meningite C sono stati 4, di cui 3 residenti a Villongo (1 decesso) e 1 residente a Predore (1 decesso).

Il sospetto quinto caso, il 16enne di Castelli Calepio ricoverato a Bergamo, non è risultato tipo C, quindi non ha nulla a che fare con i precedenti.

Quanti tipi di meningococco ci sono?

La meningite è una malattia del sistema nervoso centrale con infiammazione delle meningi.

Quella virale, detta anche meningite asettica, è la forma più comune; di solito non ha conseguenze gravi e si risolve nell’arco di 7-10 giorni.

La forma batterica, invece, è più rara ma estremamente più grave e può avere anche conseguenze letali.

Possono causare la meningite alcuni tipi batteri. Il più noto è il meningococco.

Che può essere di vari ceppi: il tipo C è il più aggressivo (23% tasso di letalità), ma ci sono anche i ceppi A, B, Y e W135 (12% tasso di letalità).

Altri batteri che possono causare la meningite sono: lo pneumococco (10% tasso di letalità), l’emofilo influenzale, il bacillo della tubercolosi, gli stafilococchi, streptococchi e batteri coliformi.

E quanti e quali tipi di vaccino sono disponibili?

Esistono tre tipi di vaccino anti-meningococco:

  • il vaccino coniugato contro il meningococco di sierogruppo C (MenC) è il più frequentemente utilizzato, e protegge solo dal sierotipo C;
  • il vaccino coniugato tetravalente, che protegge dai sierogruppi A, C, W e Y.
  • il vaccino contro il meningococco di tipo B, che protegge solo contro questo sierogruppo.
Leggi anche:  Festa Polizia locale, Regione premia 26 agenti a Pavia: ci sono anche due bresciani

La scheda vaccinale attualmente in vigore prevede la vaccinazione anti meningococco C nei bambini che abbiano compiuto un anno di età, mentre è consigliato un richiamo con vaccino tetravalente per gli adolescenti.

LEGGI ANCHE: Meningite fra Bergamo e Brescia, per Burioni si poteva evitare

Superata quota 5mila

Hanno superato quota 5mila le persone vaccinate nella zona del lago d’Iseo, nel Basso Sebino bergamasco al confine con la provincia di Brescia. Dopo i cinque casi di contagio da meningococco (4 di tipo C), di cui due decessi (che hanno scatenato una vera e propria psicosi da meningite), l’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera tornerà oggi sul posto per dare il via libera all’apertura di altri ambulatori straordinari. I casi accertati fino ad oggi di meningite C sono stati 4, di cui 3 residenti a Villongo (1 decesso) e 1 residente a Predore (1 decesso). Il sospetto quinto caso, il 16enne di Castelli Calepio ricoverato a Bergamo, non è risultato tipo C, quindi non ha nulla a che fare con i precedenti.

TORNA ALLA HOME