Non si fermano le ricerche per trovare Manuela Bailo scomparsa da Nave dallo scorso sabato 28 luglio 2018. Un fotogramma immortala la sua auto, una Opel Corsa grigia targata EF460GZ, a Brescia: è caccia nei parcheggi del capoluogo.

Manuela Bailo scomparsa da 17 giorni

Oggi, lunedì 13 agosto 2018, sono ormai 17 giorni che s’è persa traccia della 35enne impiegata di Nave.

L’unico avvistamento considerato plausibile dagli inquirenti era stato fatto da uno straniero, il quale dice di averla notata alle 15 di domenica 29 luglio a Brescia, seduta su una panchina di via Milano insieme a un uomo calvo.

Telecamere e celle telefoniche

E proprio nella zona di via Milano telecamere a circuito chiuso avevano infatti immortalato la sua vettura, che potrebbe essere in qualche posteggio della zona e potrebbe fornire elementi utili a sciogliere il mistero.

Del resto, anche secondo i tracciati delle celle telefoniche il telefonino della ragazza non è mai stato attivo dalle parti del Garda, ma sarebbe rimasto a Brescia e dintorni.

Leggi anche:  Gabriele Lenza è andato avanti: Chiari in lutto per la Penna nera

Altre due scomparse in provincia

La Procura di Brescia ha disposto lo stato di fermo per omicidio volontario e occultamento di cadavere per il marito da cui era separata, eppure il corpo di Suad Alloumi, 29enne di origine marocchina, madre di due bambini, non è mai stato trovato da quel 3 giugno 2018 in cui è scomparsa dal capoluogo.

Mamma scomparsa a Brescia: l’ex marito continua a negare

Dov’è Iuschra? Non si cerca più nel bosco di Serle

E non è mai stata trovata neppure Iuschra Gazi, la ragazzina dodicenne autistica scomparsa il 19 luglio sull’altopiano di Serle mentre si trovava nel bosco con altri bambini assieme a una fondazione che segue bambini con disabilità.