I carabinieri lo hanno sorpreso a masturbarsi fuori dall’asilo nido di Montirone e così sono scattate le manette per un 34enne maniaco  bresciano.

L’arresto del maniaco 

L’intervento dei carabinieri della Stazione di San Zeno Naviglio è avvenuto giovedì. I militari, impiegati in un servizio di pattuglia, sono stati allertati dal personale dell’asilo “Lilliput” di Montirone che aveva segnalato la presenza di un uomo fuori dai cancelli intento a masturbarsi. I carabinieri sono subito intervenuti sul posto, ma  il giovane si era da poco allontanato. La descrizione del soggetto, già noto alle Forze dell’Ordine per i suoi precedenti specifici, non ha
lasciato dubbi e i carabinieri si sono subito recati a casa del 34enne. Giunti nell’abitazione l’uomo, che era da poco rincasato, si è subito dimostrato particolarmente agitato e, una volta bloccato dai militari, non ha esitato a spingerli e a colpirli pur di tentare, invano, la fuga. Riconosciuto formalmente anche dai testimoni,  per l’uomo sono subito scattate le manette ed è stato accompagnato in caserma per le formalità di rito. Dopo aver trascorso la notte agli arresti domiciliari, il giovane è stato giudicato venerdì mattina per direttissima in Tribunale a Brescia e il giudice, dopo averne convalidato l’arresto, ne ha disposto l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

TORNA ALLA HOME PAGE