In edicola dal 16 marzo il nuovo numero del ManerbioWeek.

Ecco le notizie in prima pagina:

Addio a Giuseppe Soffiantini

Giuseppe Soffiantini è spirato all’età di 83 anni alla Poliambulanza di Brescia. Fondatore e titolare dell’azienda «I
manerbiesi», è stato vittima di un lungo rapimento, durato 237 giorni. Nonostante le sue sofferenze ebbe la forza di perdonare i suoi sequestratori

Addio a Gianni Prandini

Se n’è andato a 78 anni Giovanni Prandini, figura di spicco della politica bresciana e  nazionale degli anni Ottanta e Novanta: partito come sindaco di Leno nel 1974, divenne Ministro e ricoprì un gran numero di incarichi al Governo.
Mercoledì l’ultimo saluto a Lonato e la sepoltura e Leno.

Giorgio «Il Brescia» rimane in carcere

Classe 1989, il lenese Giorgio Battagliola è stato arrestato con l’accusa di aver aggredito il carabiniere durante il corteo antifascista dello scorso 10 febbraio a Piacenza. Il giovane, che da qualche anno si è trasferito in Val di Susa dove lavora come pizzaiolo in un locale, fa parte di un Centro sociale torinese e del movimento No Tav.

Leggi anche:  Pedone investito a Chiari: è codice rosso

A 107 anni, Maria è una delle donne più longeve d’Italia

La signora Salini ha festeggiato mercoledì con numerose candeline.

Cinque indagati per la morte della piccola Victoria

Accusati a vario titolo il nonno, i genitori e due veterinari. La piccola Victoria era stata sbranata dai pitbull dei genitori. In casa in quel momento c’era solo il nonno che, nonostante i tentativi, non è riuscito a liberare la piccola dalle fauci degli animali.