Gli ha scippato la catenina e l’ha mandato all’ospedale a causa delle ferite che gli ha inferto al collo. La fuga di un diciottenne marocchino però è stata fermata poco dopo dai carabinieri

Il furto

Le manette sono scattate giovedì ai polsi di un diciotteenne di origini marocchine che aveva preso di mira un diciassettenne di Bedizzole. Il malvivente, infatti, si è avvicinato al giovane e, con un gesto fulmineo, gli ha strappato le tre catenine che aveva al collo. Un gesto violento che ha provocato ecchimosi e dolore al giovane che, poi, si è recato anche al Pronto soccorso dell’ospedale di Desenzano del Garda dove i medici gli hanno diagnosticato ferite guaribili in dodici giorno. Prima di raggiungere il nosocomio, però, il giovane ha contattato il 112 e in breve tempo sul posto sono giunti i Carabinieri motociclisti del Norm che, ricevuta la descrizione del ladro che nel frattempo si era dato alla fuga, si sono messi sulle sue tracce, individuandolo in un parco a poca distanza. Alla vista dei carabinieri, il diciottenne ha tentato di scappare, ma la fuga ha avuto breve durata. Arrestato, venerdì mattina è stato sottoposto al processo per direttissima: il giudice ne ha convalidato l’arresto e disposto l’obbligo di dimora e di presentazione alla polizia giudiziaria in attesa del processo.

Leggi anche:  Con la scusa del controllo dell'acqua entrano in casa per rubare

TORNA ALLA HOME PAGE