“Musica per la vita” è l’iniziativa del Lions Club Valtrompia che da undici anni lancia appelli di generosità attraverso concerti a scopo benefico.

Musica per la vita

Musica beneficenza e lions, sono gli ingredienti che ancora una volta racconteranno un Natale di generosità a Brescia. L’obiettivo è quello di sotenere quest’anno il progetto della cooperativa sociale l’aquilone per la realizzazione e la gestione di alloggi per disabili. Da sempre l’iniziativa si occupa di raccogliere fondi per iniziative importanti, quest’anno però per la prima volta ci si preoccupa non di un bisogno attuale ed impellente, ma ad un bisogno del futuro. Si tratta del progetto “Abbiamo un sogno: durante noi, dopo di noi” della cooperativa sociale onlus l’Aquilone. Nel territorio bresciano non esistono infatti strutture che possano aiutare e assistere persone che soffrono di disabilità, nel momento in cui i genitori degli stessi vengano a mancare. Sul territorio però il 27% di loro ha superato gli ottant’anni, il 63% è tra i settanta e gli ottanta, mentre il restante 10% sotto i settanta. Si è presentata quindi la necessita per il futuro di avere una struttura locale che possa accogliere queste persone speciali. La struttura predestinata è un palazzo storico, a Gardone con 10 posti letto dedicati ai disabili e 2 per gli operatori, che sarà pronto per pasqua. In questo modo sarà possibile non sradicare le persone dal proprio contesto e dai propri affetti nel momento in cui i loro cari verranno a mancare.

Da sinistra, Emanuele Sabatti, presidente del Lions Club Valtrompia, la vicesindaco Laura Castelletti, Federica Pasotti, governatore Lions del distretto 108IB2 e Giuseppe Pezzotti, presidente cooperativa sociale onlus l’Aquilone

Lo spettacolo

Pur avendo già programmato in passato un’opera di Gioachino Rossini, quest’anno in occasione del centocinquantesimo anniversario dalla sua morte il club ha deciso di ritornare ad onorare le musiche del grande compositore pesarese. Lo spettacolo, già tutto esaurito, si svolgerà al Teatro Grande sabato sera. L’orchestra filarmonica italiana, diretta dal maestro Massimiliano Caldi, con il mezzo soprano Francesca Provvisionato, il baritono Paolo Ruggiero ed il basso Costantino Finucci, eseguiranno arie ed overture tratte da L’Italia in Algeri, La Cenerentola, e Il Barbiere di Siviglia

Leggi anche:  Agostini Zanotti ha ricevuto il Premio Bulloni

TORNA ALLA HOMEPAGE