Il clamoroso caso riguarda Giovanni Gandini, morto nel 1985.

Lettera per il rinnovo della tessera, ma lui è morto da 35 anni

“Le ricordiamo il rinnovo della sua tessera e la preghiamo di portare una foto recente”. Questa la lettera inviata a fine 2019 dalla Camera di Commercio di Brescia al palazzolese Giovanni Gandini. Fin qui nulla di male. Peccato che il palazzolese, nato più di un secolo fa (nel 1919), sia morto nel 1985: esattamente 35 anni fa. A rendere nota questa clamorosa vicenda è stata la figlia Virginia. “Non c’è molto da dire, ma sicuramente ricevere questa amara sorpresa ci ha lasciati senza parole”, ha commentato la figlia di Gandini, che dopo aver lavorato per anni alla Marzoli (storica azienda di Palazzolo), negli anni ‘60 era stato responsabile dell’agenzia Automobile club d’Italia di Palazzolo e per questo motivo era iscritto alla Camera di Commercio di Brescia. Ma la lettera per il rinnovo della tessera è arrivata in ritardo di 35 anni.

Leggi anche:  Fuga spericolata in autostrada dopo il furto: arrestate tre persone

TORNA ALL’HOMEPAGE