Aveva un laboratorio di marijuana e armi e per questo i carabinieri hanno arrestato un 38enne.

Laboratorio di marijuana
Tutto il materiale sequestrato

L’operazione

Nel pomeriggio del 30 novembre a Piubega, i militari della locale Stazione coadiuvati dai Carabinieri di Goito e dal Norm di Castiglione delle Stiviere hanno rinvenuto in un capannone ubicato in via San Fermo 20, circa 1500 piante di marijuana di altezza di circa un metro, già in fioritura, per un peso complessivo di 150 chili circa. Nel fabbricato sono stati anche trovati tremila euro in contanti e  due pistole, di cui una rubata e l’altra non censita. Lo stabile risulta in fase di vendita a seguito di un contratto preliminare, stipulato da circa un anno, ed  è situato in aperta campagna e circondato  da una recinzione alta 2,5 metri.

Laboratorio di marijuana
La pistrola ritrovata

Il colpevole

In manette è finito D.G. 38enne italiano, incensurato, residente in provincia di Cremona, tratto in arresto per produzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, detenzione abusiva di armi e ricettazione. L’uomo è stato associato alla Casa Circondariale di Mantova a disposizione della Procura di Mantova.

Leggi anche:  Arrestato imprenditore incensurato tradito dall’odore del... fumo

Le indagini

Sono in corso ulteriori indagini per meglio delineare  i contorni dell’attività compiuta. Quest’operazione si inserisce in un articolato contesto investigativo che da tempo viene svolto nell’intera Provincia, per il contrasto alla detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. L’intera attività, coordinata dal Procuratore della Repubblica di Mantova Manuela Fasolato, è diretta dal Sostituto Procuratore Carmela Sabatelli. Il brillante risultato conseguito ha riscosso il plauso del Comandante Provinciale dei Carabinieri di Mantova, Colonnello Fabio Federici,  che ha ringraziato i militari per la professionalità e la determinazione dimostrate. Al compiacimento dell’Ufficiale si è  aggiunto quello del Prefetto di Mantova Sandro Lombardi.