Killer di Flero. Per i cittadini di Roncadelle era una “persona che non frequentava il paese”.

Killer di Flero Le testimonianze dei roncadellesi

Una persona poco nota in paese, se non addirittura sconosciuta, nonostante fosse un cittadino roncadellese da più di vent’anni. Con i vicini di casa, in via Pertini, a malapena parlava. I pochi che avevano presente il volto di Cosimo Balsamo, il 61enne che mercoledì mattina ha ucciso Elio Pellizzari e James Nolli a colpi di pistola, lo collegavano immediatamente al suo passato criminale e alla condanna per ricettazione.

I vicini di casa

“Al massimo ci si scambiava un ‘buongiorno’ quando capitava di incrociarsi. Ma per il resto non abbiamo mai parlato”, ha raccontato una vicina di casa. Un altro, invece, nonostante vivesse accanto alla villa di Balsamo da ben 18 anni, non ci aveva mai scambiato neanche una parola. Era un uomo che non frequentava il paese e la sua comunità, sempre chiuso e riservato, fino a che la notizia del suo gesto non è balzata alla cronaca, spargendosi a macchia d’olio. “Conoscevamo i suoi precedenti, anche se non abbiamo mai avuto a che fare con lui – ha continuato la vicina – Quando abbiamo visto l’elicottero e le pattuglie della polizia ferme davanti a casa sua è stato chiaro che qualcosa era successo. Quando è stato reso noto non avevamo parole”.

Leggi anche:  Arrestati due albanesi a Roncadelle

L’articolo completo sul Chiariweek in edicola domani, venerdì 6 marzo.