I carabinieri di Orzinuovi hanno arrestato un 30enne cremonese, censurato e residente nel bresciano, per il furto aggravato di un’automobile.

Il furto

Il fatto è successo giovedì mattina, alle 10 Il giovane ha rubato una Fiat 500 parcheggiata nei pressi di una cascina ad Alfianello: il proprietaro, che si è subito accorto del furto, sui cui era installato il sistema di rintracciamento Gps, ha subito segnalato l’episodio ai militari di Verolanuova. Dalla stazione è partito l’allarme che ha diramato le ricerche concentrando le pattuglie a disposizione sul territorio nel luogo di spostamento del veicolo. Non è passato morto tempo prima che il veicolo fosse rintracciato dai carabinieri orceani vicino al centro commerciale Le Robinie.

L’inseguimento e l’arresto

Il ladro di auto si è dato alla fuga a bordo del mezzo rubato, Ne è scaturito un inseguimento sulla provinciale 9 fino all’altezza di San Paolo. Qui il giovane, messo alle strette, capendo di non poter sfuggire alla pattuglia ha abbandonato il veicolo ed è scappato in mezzo ai campi, venendo però catturato un centinaio di metri più il là. Tratto in arresto, il 30enne questa mattina è stato condotto davanti al Gip di Brescia che ha convalidato l’arresto e disposto l’obbligo di dimora nel Comune di residenza in attesa del processo.

Leggi anche:  Esce di casa per recarsi a fare l’aperitivo: arrestato per evasione

Singolare il fatto che la stessa mattina (un’ora prima del furto) il colpevole era stato convocato nella stazione di carabinieri di Pontevico, dove gli era stato notificato l’avviso orale firmato dal questore di Brescia su proposta degli stessi carabinieri tramite il quale era stato invitato a cambiare condotta, a trovarsi un lavoro stabile e a non frequentare posti e persone controindicate.

TORNA ALLA HOME PAGE