Ingerisce la droga per evitare i carabinieri, dopo 10 anni l’arresto si ripete.

La tentata fuga e la rissa

Nella nottata scorsa un 46enne pregiudicato di Visano è stato arrestato con tre dosi di cocaina nello stomaco, ben documentate, tra l’altro dall’esame radiografico cui si è sottoposto in ospedale dove è stato accompagnato dai carabinieri. L’uomo le aveva ingerite alla vista dei militari per occultare le prove dello spaccio. Tentando di evitare il controllo e darsi alla fuga si era lanciato in  una colluttazione con la pattuglia che aveva assistito all’ingerimento, ma è stato prontamente bloccato.

La perquisizione

L’uomo aveva addosso 500 euro, frutto dell’attività illecita, mentre, nella sua abitazione è stato rinvenuto qualche grammo hashish, sei bilancini di precisione, un cellulare dedicato e tutto il necessario per confezionare dosi da vendere al dettaglio.

L’arresto

Dopo i soccorsi medici per evitare rischi alla salute, il 46enne è stato trattenuto nelle camere di sicurezza della caserma di Desenzano fino alla mattinata di lunedì quando il Giudice del Tribunale di Brescia ha convalidato l’arresto e disposto l’obbligo di firma giornaliero al comando Stazione di Isorella. L’uomo non è nuovo a tali comportamenti; la stessa scena l’aveva messa in atto circa dieci anni prima e con gli stessi esiti. Anche allora il rischio per la salute che si assunse ingerendo cocaina non servì a scongiurargli l’arresto.