A finire in carcere è stato un quarantenne, già sottoposto a una precedente misura cautelare, ma meno restrittiva: in casa i carabinieri hanno trovato droga e un pugnale

La misura cautelare

L’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un 40enne di Vobarno è stata eseguita dai carabinieri della locale Stazione: l’uomo era già sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia
giudiziaria poiché coinvolto in un’indagine antidroga condotta dai Carabinieri di Salò. Il quarantenne, non avendo rispettato le prescrizioni imposte dal Tribunale di Brescia, è stato segnalato da parte dei Carabinieri di Vobarno ai quali è stata poi delegata l’esecuzione della misura restrittiva. Nel corso della relativa perquisizione domiciliare i Carabinieri hanno sequestrato circa 60 grammi di marijuana e un pugnale del tipo tribale non denunciato. Per questo, oltre all’applicazione della misura cautelare, è scattata nei confronti dell’uomo una nuova denuncia per detenzione ai fini di spaccio (a conferma di ciò è stato sequestrato anche del materiale per il confezionamento ed un bilancino di precisione) nonché violazione del T.U.L.P.S. per quanto attiene alla denuncia dell’arma bianca.