Inizia la conta dei danni causati dal maltempo, alberi caduti, strade chiuse e disagi in tutta la Bassa e la Franciacorta.

I primi danni

Traffico bloccato all’entrata di Coccaglio, proveniendo da Rovato, dove la strada è stata chiusa a causa di un sottopasso allagato: i Vigili del Fuoco sono stati allertati. Disagi anche a Erbusco, dove a causa di un black out  è saltato il semaforo sulla Sp12 Rovato Capriolo, all’incrocio con via San Clemente: a fare le spese della mancanza di corrente anche l’oratorio, dove era in corso la festa di San Gottardo. Le iniziative previste sono rinviate a domani sera. Molte le zone del paese rimaste senza corrente, con grossi disagi per i cittadini.

Danni anche alla nuova struttura della scuola, dove il vento ha rovesciato le transenne e le fasce nere posizionate sulla struttura.

Alberi caduti

A Travagliato un grosso albero è rovinato per terra, ma fortunatamente ha mancato le auto parcheggiate nelle vicinanze. Altre piante sono cadute anche in stazione a Chiari, a Erbusco e in viale Europa, la strada che collega Palazzolo e Cologne: la strada è ancora aperta, ma l’ostacolo ha bloccato una delle due corsie costringendo gli autisti in viaggio verso Palazzolo a deviare su una stradina a fianco.

Palcoscenico del maltempo anche il Montorfano, dove alcune piante sono cadute sui sentiero a Cologne, bloccando diverse persone nel rifugio.

A Corte Franca sono caduti alberi e cartelli stradali su tutto il territorio. Tre alberi sono finiti a terra alle ex scuole di Colombaro e un pino è caduto sul tetto di un’abitazione a Nigoline. La Protezione Civile di Corte Franca ha ultimato la messa in sicurezza delle strade già dalle 21 per poi proseguire l’attività con le situazioni meno preoccupanti.

Bloccata la circolazione in via Bonfadina a Cazzago San Martino, dove uno dei cipressi che fiancheggia la strada all’altezza del cimitero è rovinato sulla carreggiata. Nessuno ferito: la Protezione civile è all’opera per liberare la via.

Leggi anche:  Maltempo: in Lombardia danni per 207 milioni

A Urago nella zona della chiesetta dei Morti in Campo sono caduti degli alberi, provocando grossi danni.

A Rovato alberi caduti in varie zone della città.

Infine, la strada che porta da Pontevico a Quinzano è stata bloccata da un pino caduto: la situazione è stata prontamente risolta dalla Protezione civile che ha rimosso la pianta: la strada è tornata percorribile.

Scoperchiata una stalla

Il vento è stato antagonista anche nella Bassa: a Pompiano le forti raffiche hanno scoperchiato il tetto della stalla. Pezzi di tetto sono stati sparsi in giro per campi, sulla strada. Inoltre la tempesta ha rotto la muraglia di pietre che circonda una casa e stortato il cancello. I pezzi di tetto infine  hanno sbattuto sulla casa, rompendo anche le tapparelle.

Danni anche al campo sportivo di Cadignano, dove la struttura esterna (il magazzino) si è accartocciata sotto i colpi del vento.

Danni a Offlaga

Maltempo anche a Offlaga dove si sono registrati incidenti riguardanti lo scoperchiamento dello stand della Pro Loco, in occasione della sagra di domani, un pino caduto su una casa vicino alle scuole medie e un tetto di un capannone adibito all’allevamento dei cavalli in zona Mirandola.

Calvisano

Oltre a Ghedi dove gli alberi sono caduti a decine, si contano i danni anche a Calvisano. Via brignedolo è stata bloccata dalla caduta di un grosso tronco, mentre le forti folate di vento hanno scoperchiato uno dei capannonni della Tercomposti.

Castenedolo

Anche l’hinterland cittadino non è stato risparmiato dal maltempo. A Castenedolo due squadre della protezione civile comunale stanno lavorando sul territorio, ovunque alberi e rami caduti hanno invaso le strade. I volontari stanno cercando di limitare i danni. A Borgosatollo invece è stato divelto un albero nel parco dei Caduti.

TORNA ALLA HOME PAGE