È iniziata stamattina e proseguirà per tutto il pomeriggio la giornata dedicata all’ambiente e alla sua salvaguardia che coinvolge nonni ospiti della casa di riposo e i bambini della scuola dell’infanzia della Fondazione pontevichese

I nonni della casa di riposo affidano il futuro dell’ambiente nelle mani dei bimbi dell’infanzia

Questa mattina le lezioni alla scuola dell’infanzia Ugoni hanno preso una “piega” molto curiosa e particolare.

I bambini infatti hanno lasciato le proprie aule vuote e si sono adunati nell’atrio dove ad attenderli c’erano due nonne d’eccezione: Santa e Maria, ospiti della casa di riposo della medesima Fondazione a cui appartiene l’asilo.

La loro presenza è stata per una causa molto nobile e particolare, ossia affidare ai bambini dell’asilo Ugoni il futuro del nostro ambiente sempre più compromesso dallo smaltimento scorretto da parte degli uomini dei rifiuti in particolare della plastica.

Le due anziane signore, rispettivamente di 83 e 89 anni, hanno raccontato ai bambini di quando avevano la loro età, o poco più grandi, e del fatto che la plastica non esisteva in modo così diffuso. Le nonne hanno raccontato aneddoti e sposando la Fondazione la tematica ”plastic free” sono state testimonial della consegna delle borracce riutilizzabili da destinare ai bambini.

Leggi anche:  Orizzonti economici e demografia salodiana,se ne è parlato in biblioteca

Al loro fianco anche la presidente della Fondazione Antonella Acerbis, il presidente del Parco Oglio Nord Luigi Ferrari (il cui ente ha donato ai bimbi dei sacchetti di tessuto) e in rappresentanza del Comune di Pontevico l’assessore alla Pubblica Istruzione Mario Ferrari.

Nel pomeriggio un nonno provvederà alla piantumazione di un albero nel giardino simbolo di questo progetto.

 

 

TORNA ALLA HOME PAGE