Giallo del Sebino: si lavora per portare in superficie l’auto col cadavere. La Ford Fiesta di Rosario Tilotta si trova a 82 metri di profondità e a 50 metri dalla riva di fronte al cementificio di Tavernola Bergamasca.

Giallo del Sebino: si lavora per portare in superficie l’auto

E’ dall’alba che a Tavernola Bergamasca si lavora per preparare tutto il necessario per il recupero dell’auto di Rosario Tilotta, la Ford Fiesta gialla che si trova sommersa a 82 metri e a 50 metri circa dalla riva, nella zona del cementificio. All’interno c’è un corpo umano in decomposizione, ma non è detto (sarà il dna a parlare) che si tratti del pensionato di Scanzorosciate scomparso nel 2004 cui è intestata l’auto.

Sul posto ci sono i carabinieri di Tavernola e della motovedetta di Iseo, la Guardia costiera ausiliaria di Sarnico, il Gruppo soccorso sebino di Pisogne, i volontari della Croce rossa e i militari del Gos (Gruppo operativo subacquei) della Marina di La Spezia. I militari si serviranno di alcuni scafandri per scendere e agganciare l’auto, che verrà poi sollevata grazie ai mezzi posizionati sopra una chiatta di un’azienda sebina. Dovranno però fare attezione al cadavere, che al momento si trova adagiato sui sedili anteriori con la testa che sporge dal finestrino del passeggero.

Leggi anche:  Castelletto di Leno, i cent'anni del monumento ai Caduti

TORNA ALLA HOME PAGE