Gardaweek è in edicola. La prima pagina edizione bresciana. Tante le notizie da non perdere.

Gardaweek è in edicola

Dalla Bassa bresciana al Garda si cerca l’elemento scatenante. Polmonite: al setaccio
le strutture ricettive

Manerba e Moniga: Attesi 30mila spettatori per le frecce tricolori. Secondo AirShow in Valtenesi.
Sabato e domenica al Porto Dusano andrà in scena l’evento che nel 2016 aveva riscosso grande successo.
Per entrambi i giorni gli orari delle esibizioni saranno dalle 11 alle 13: si parte con la dimostrazione elisoccorso dell’elicottero AM, a seguire aereo acrobatico con il pilota Andrea Pesentato, campione acrobatico nazionale, 4 aeromobili leggeri del Flyteam Roma, 2 aerei anfibio e infine a mezzogiorno le frecce tricolori.
Sabato ci saranno le prove mentre domenica lo show ma l’unica differenza sarà nei fumi degli aerei: sabato bianchi e domenica tricolore.

Desenzano: Esplosione notturna al centro benessere, migliaia di euro di danni. Proseguono le indagini ma le forze dell’ordine escludono la natura dolosa

Ecofesta a Lonato: Toninelli tra Tav e immigrazione. Ospite d’onore all’Ecofesta del Movimento 5 Stelle a Castel Venzago. Lo scorso fine settimana il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli ha parlato di Tav e immigrazione. «L’errore della vecchia politica è stato non consultare mai i cittadini. Vale lo stesso anche per il Tav. I comitati che ho incontrato sono fatti di persone che hanno seguito il caso per anni; incontrarli fa parte di questo nuovo approccio».

Leggi anche:  Fine di un incubo, approvato il progetto per la ricostruzione del ponte A21

La Feralpi festeggia mezzo secolo di storia: Sono passati cinquant’anni da quando l’imprenditore Carlo Nicola Pasini fondò la Feralpi Siderurgica. Sabato per festeggiare il primo mezzo secolo di storia sono attese oltre 6mila persone che avranno la possibilità di entrare in contatto con i valori, i progetti, le attività dell’azienda.

Sirmione: Settecento firme per Punta Grò. Continua la raccolta firme iniziata lo scorso giugno dal Comitato di Riqualificazione Sirmione/Punta Grò nato da un’idea di alcuni cittadini.
L’obiettivo è chiedere che la spiaggia di Punta Grò, sotto sigilli dei Carabinieri Forestali dallo scorso gennaio, venga finalmente liberata. Tra le richieste anche una valorizzazione dell’area.
«Non appena arriveremo a 1000 firme le consegneremo nelle sedi opportune, appellandoci agli organi preposti e al loro senso di interesse del bene comune» spiegano i promotori.

Salò: Tutti i volti della diciannovesima edizione di «Centoassociazioni»

Pozzolengo: I cittadini chiedono più manutenzione delle strade e maggiore sicurezza

Gardafest. L’ex ministro Padoan: «Il lavoro non è finito»