Furti e aggressioni in Asst: incontro con il Prefetto per discutere di sicurezza.

Incontro

Questa mattina i dirigenti di Asst del Garda hanno incontrato il Prefetto Attilio Visconti e le forze dell’ordine per discutere di sicurezza. Le strutture di Desenzano, Manerbio e Gavardo dal 2016 ad oggi sono state soggette a 31 furti e 3 atti vandalici. I furti riguardano sia i farmaci, sia le strumentazioni mediche che, in alcuni casi, denaro contante. Il furto più clamoroso risale al 2018 quando nell’ospedale di Manrbio sono stati rubati tutti gli endoscopi. Per quanto riguarda le aggressioni al personale dal 2016 ad oggi sono state 56 quelle verbali e 70 quelle fisiche con conseguenze anche gravi in alcuni casi.

Soluzioni

«Dopo l’incontro con il Prefetto e le forze dell’ordine abbiamo deciso di affrontare il problema con azioni combinate tra loro – ha spiegato il direttore generale Carmelo Scarcella – Nomineremo un security manager che molto probabilmente sarà l’attuale Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione che conosce bene la struttura e le aree più problematiche. Questa figura collaborerà con i responsabili di presidio per la stesura di un piano operativo per la protezione del personale e del patrimonio che contempla la valutazione dei rischi e l’identificazione dei siti e degli operatori più esposti ad azioni criminose». Il piano, che prevederà anche l’installazione di nuove videocamere di video sorveglianza, verrà attuato in tre anni con un costo indicativo di 400mila euro.

Leggi anche:  Sotto l’albero un nuovo impianto a biogas

ARTICOLO COMPLETO VENERDI’ IN EDICOLA CON GARDAWEEK