Fanghi, ecco i Comuni dove è vietato lo spandimento. La Regione Lombardia ha vietato per l’anno  2018/19 l’impiego per uso agronomico dei fanghi da depurazione in 170 Comuni del territorio regionale. Il decreto definitivo con l’elenco dei Comuni è stato firmato questa mattina e riguarderà il 22 per cento della superficie agricola utile in Lombardia.

L’assessore regionale

“Si tratta di una iniziativa che conferma il cambio di passo deciso da parte della Regione Lombardia in difesa del nostro territorio, della nostra agricoltura e dei nostri prodotti agroalimentari – dichiara Fabio Rolfi, assessore regionale all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, promotore del provvedimento. Dove c’è concime animale a sufficienza non sarà più possibile spandere fanghi in Lombardia. I fanghi di uso civile non hanno nulla in più rispetto al letame delle nostre stalle, che è già più che sufficiente per concimare e arricchire i nostri terreni e devono essere considerati come integrativi e non sostitutivi della materia organica”.

Il decreto

Con questo decreto si prevede che l’impiego per uso agronomico dei fanghi sia autorizzato solo sui terreni che non siano territorialmente localizzati in Comuni in cui la produzione di effluenti da allevamento dovuta al carico zootecnico insistente sugli stessi, correlato alle coltivazioni presenti sul territorio comunale, supera il limite fissato dalla Direttiva nitrati e dalla norma regionale di settore (170 kg N/ha/anno per le zone vulnerabili; 340 kg N/ha/anno per le zone non vulnerabili). Di fatto, laddove si verifica una sovrabbondanza di liquami animali rispetto alla superficie coltivata, si giustifica la priorità verso gli effluenti zootecnici rispetto ai fanghi da depurazione. Per ogni comune lombardo è stata definita l’idoneità o la non idoneità alla distribuzione dei fanghi attraverso uno studio tecnico effettuato dall’Ente Regionale per i Servizi all’Agricoltura e alle Foreste.

Leggi anche:  Calvisano piange nonno Giulio Comini, 105 anni appena compiuti

LEGGI ANCHE:

«Stop al’utilizzo dei fanghi in agricoltura» l’appello del consigliere

Stop al business fanghi, il comune di Asola inizia a punire

Il business dei fanghi è sorvegliato speciale

Epidemia di polmonite, Fiasconaro: “La Regione non ferma lo spandimento di fanghi”

Ecco i comuni bresciani interessati al divieto

I 62 Comuni bresciani interessati dal divieto:

Acquafredda
Bagnolo Mella
Barbariga
Bedizzole
Berlingo
Borgo San Giacomo
Calcinato
Calvisano
Capriano Del Colle
Carpenedolo
Castegnato
Castrezzato
Cazzago San Martino
Chiari
Cigole
Coccaglio
Comezzano – Cizzago
Corzano
Dello
Fiesse
Flero
Gambara
Ghedi
Gottolengo
Isorella
Leno
Lograto
Lonato Del Garda
Maclodio
Mairano
Manerbio
Milzano
Montichiari
Montirone
Nuvolento
Offlaga
Orzinuovi
Orzivecchi
Ospitaletto
Paderno Franciacorta
Pavone Del Mella
Pompiano
Poncarale
Pontevico
Pontoglio
Pralboino
Quinzano D`Oglio
Remedello
Roccafranca
Roncadelle
Rovato
Rudiano
San Gervasio Bresciano
San Paolo
San Zeno Naviglio
Seniga
Travagliato
Urago D`Oglio
Verolanuova
Verolavecchia
Villachiara
Visano

Per la provincia di Mantova

Castiglione delle Stiviere