L’occhio vigile di qualche cittadino si è sostituito nuovamente agli enti preposti al controllo. Cosi foto e video documentano qualcosa che, arrivato venerdì nelle mani dei comitati, ha subito fatto storcere il naso agli attivisti che hanno inviato in men che non si dica una missiva al Comune di Ghedi e alla Procura. Il documento è firmato da Le mamme di Castenedolo, il Comitato Carta e Legambiente La Nostra Terra.

 Dal video si evincono “Presunte irregolarità in corso d’opera” presso il sito oggetto di VIA rubricata al 44-BS  discarica Edilquattro di Bernardelli situata in località Fienil Nuovo a Ghedi, proprio la discarica autorizzata solo venerdì scorso, 24 maggio, dalla Provincia. In particolare l’azienda starebbe scavando “ad una profondità oltre il consentito” e praticando “la sostituzione del mistone abusivamente scavato con altro materiale” .

I comitati chiedono quindi un “INTERVENTO URGENTE DI VERIFICA in ottemperanza alla VIA 44-BS emessa con Atto Dirigenziale n. 1637/2019”. Tra le richieste quella di conoscere il livello di inquinanti del materiale ritombato in sostituzione del mistone.

Leggi anche:  Furto da oltre 30mila euro da Brinke Bike a Desenzano

“Viste le nostre rimostranze regolarmente fatte negli ambiti istituzionali rispetto al percorso amministrativo – scrivono – e valutato che i nostri comitati stanno lavorando per la tutela della salute dei cittadini e il rispetto del territorio, si richiede nell’ambito delle rispettive competenze, il supporto dovuto”.