Emesso dalla Polizia di Stato il Daspo nei confronti di cinque ultras del Brescia Calcio che, al termine dell’incontro del 9 novembre con il Torino, stavano “aspettando” i tifosi della squadra avversaria vicino alla tangenziale.

Emesso il Daspo nei confronti di cinque ultras del Brescia

In occasione dell’incontro di calcio Brescia-Torino del 9 novembre, diversi tifosi del Brescia Calcio si sono resi responsabili di condotte di gruppo finalizzate alla partecipazione attiva ad episodi che hanno posto in pericolo la sicurezza pubblica con potenziale turbativa all’ordine pubblico evitato solamente grazie al pronto intervento della Polizia di Stato.

Il gruppo di ultras è stato notato in un’area verde attigua alla tangenziale Ovest, dove di lì a poco sarebbe transitato il convoglio dei tifosi del Torino e, intuendo che potessero porre in atto condotte illecite nei confronti dei torinisti, la sala operativa ha immediatamente inviato una volante. Alla vista della pattuglia, gli ultras del Brescia si sono dati prontamente alla fuga, ma i poliziotti sono riusciti a bloccarne cinque.

Leggi anche:  Fabio Grosso è il nuovo allenatore del Brescia

Il controllo e i tubi

Il controllo della zona ha portato alla luce diversi tubi in pvc che, da successivi accertamenti, sono risultati essere stati impugnati dai tifosi prima dell’arrivo della volante. Per tali condotte, come visto connotate da pericolo per la sicurezza pubblica e potenzialmente capaci di arrecare turbative all’ordine sono stati notificati 5 procedimenti amministrativo del Daspo, che prevede l’inibizione all’ingresso a tutte le manifestazioni sportive anche amichevoli
sia nazionali che internazionali da 1 a 5 anni.

Il regolare svolgimento delle manifestazione sportive rappresenta l’obiettivo primario della Polizia di Stato, nell’ottica della diffusione della cultura di partecipazione ad eventi sportivi secondo i principi del “rispetto dell’avversario” e della “non –violenza” fuori e dentro lo Stadio.

TORNA ALLA HOME PAGE