Al fine di prevenire e contrastare i reati predatori, lo spaccio e l’immigrazione clandestina, il Commissariato di Desenzano, nell’ultimo fine settimana, ha posto in essere un’attività di controllo nei luoghi di particolare frequentazione e nelle zone maggiormente “attenzionate” dalla criminalità.

Il bilancio

L’attività, che ha visto l’impiego di numerose unità operative di Polizia stradale, e ha portato all’identificazione di 190 persone e al controllo di 104 automezzi. Sono inoltre stati effettuati 8 posti di blocco stradali, e 16 controlli per soggetti agli arresti domiciliari.

Spaccio

Durante i controlli sabato sera nel centro cittadino sono stati fermati due giovani, entrambi di 19 anni e residenti a Desenzano, che alla vista della volante hanno cercato di nascondersi in un parcheggio. La perquisizione ha rivelato diverse confezioni di hashish per circa 40 grammi complessivi, i due, incensurati, sono stati indagati per detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Controlli nei locali

Domenica sera un giovane italiano di origine Senegalese, di anni 20, residente a Carpenedolo è stato tratto in arresto per furto aggravato di un cellulare. Una cliente si era rivolta al titolare il quale ha richiesto l’intervento di una volante, gli operanti giunti sul posto hanno trovato il giovane che cercava di disfarsi del cellulare della vittima. In un altro locale pubblico invece una cittadina rumena di 39 anni, con diversi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio e la persona, è stata indagata perché in possesso di un coltello di genere proibito, durante un controllo in un locale pubblico. La donna deteneva l’arma nella borsetta.

Leggi anche:  Addio a Rosina Beschi, veterana di Sirmione

TORNA ALLA HOMEPAGE