Denunciati alla Procura i tre giovani coinvolti nella rissa a Calcinato, tra loro anche il 18enne ferito a un occhio. Dopo settimane di indagine la Compagnia dei Carabinieri di Desenzano, a seguito delle indagini condotte dal comando dei militari di Calcinato, ha ufficializzato la denuncia di tre giovani coinvolti nella rissa alla fermata dell’autobus nella quale era stato ferito ad un occhio il giovane 18enne di origini indiane, Kumar Rajesh.

Le indagini

La rissa iniziata tra i sedili per futili motivi, come si legge dal comunicato stampa dei carabinieri, era continua alla fermata. “Nella serata del 22 luglio scorso, a bordo del bus che da Lonato del Garda porta a Calcinato, alcuni giovanissimi si divertivano a imprecare e dire parolacce incuranti degli altri passeggeri. Un diciottenne indiano sentitosi offeso, poiché alcune imprecazioni erano state pronunciate anche nella sua lingua, sentitosi provocato, li riprendeva ma anziché riportare la calma iniziava con loro un battibecco che non s’interrompeva nemmeno alla fermata. Scesi dal pullman il ragazzo indiano prendeva per il collo uno dei due ragazzi autori della performance e sferrava un pugno ad un altro. Accorrevano in loro soccorso altri giovani presenti nel parco vicino alla fermata mentre uno dei due ragazzi colpiti correva a chiamare il fratello maggiore, in un bar a poche centinaia di metri. A quel punto volavano altri schiaffi e pugni a seguito dei quali finivano in ospedale l’indiano e la madre di questi, intervenuta per sedare la rissa, entrambi con prognosi di 20 giorni”.

Leggi anche:  Il Gruppo Volontari del Garda accoglie le Guardie Ecozoofile

La ricostruzione dell’evento, non facile per l’individuazione degli autori e per l’esatta attribuzione delle responsabilità di ciascuno – fanno sapere i carabinieri – è stata possibile grazie alle testimonianze di una ventina di testimoni che quel giorno avevano assistito alla scena e all’aiuto delle riprese video delle telecamere comunali. In conclusione, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Brescia, sono state denunciate tre persone per rissa che rischiano adesso la reclusione da tre mesi a cinque anni, tra questi anche il giovane indiano che aveva subito lesioni all’occhio durante la colluttazione.