Animali uccisi dai bocconi avvelenati a Quinzano: via all’iter della squadra Antiveleno per esaminare le esche e attuare la bonifica, arrivano dal Piemonte.

Dal Piemonte a Quinzano per la bonifica

Nei giorni scorsi Quinzano ha vissuto giornate da incubo a causa della moria incontrollata di animali domestici e selvatici a causa delle esche avvelenate che sono state sparse da qualcuno, probabilmente un folle, per il territorio. Non si tratta di banali bocconi avvelenati ma di teste e ali di pollo che qualcuno ha mozzato per poi riempirle di veleno e gettarle nella zona nord del paese, ricca di campi e frequentata da proprietari di cani. Due le squadre antiveleno, arrivate dal Piemonte, che hanno scandagliato l’ampio territorio ed effettuato la bonifica, impiegandoci parecchie ore. Le esche recuperate sono state innumerevoli. «I Carabinieri forestali hanno dimostrato professionalità e passione per il lavoro di ricerca – ha detto il sindaco Andrea Soregaroli – Hanno dimostrato grande capacità di movimento su un territorio a loro sconosciuto. La bonifica è sempre importante in questi casi per la tutela della salute di tutti, umani e non». Si spera, in paese, che le indagini possano avere risvolti in modo da avere giustizia.

Leggi il servizio completo in edicola venerdì 15 marzo su Manerbio Week

Leggi anche:  Bosine senza acqua potabile: i residenti alzano la voce

TORNA ALLA HOME