Questa la decisione presa dal Tribunale amministrativo regionale di Brescia sulla vicenda tra Comune e Fondazione.

Pareggio e palla al centro

Il motivo dello scontro era di fatto la diversa interpretazione della convenzione urbanistica del maggio del 2014. Al centro del contenzioso le questioni legate al campo da golf e la realizzazione della scuola in via Roccafranca. A gennaio dell’anno scorso il Tar (con ordinanza) aveva dato ragione al Comune, ma ora “vista la complessità dell’argomento” ha optato per una sorta di pareggio. “La posizione dei sottoscrittori della convenzione urbanistica viene accertata in modo sostanzialmente favorevole al Comune – si legge nelle conclusioni – Ma viene accolto parzialmente il ricorso della Fondazione con accertamento del diritto del Morcelliano e del soggetto attuatore a concordare con il Comune una suddivisione in tre fasi del lotto 2 del nuovo progetto della scuola. Una volta stabilita consensualmente la suddivisione, la Fondazione e il soggetto attuatore avranno a disposizione 30 giorni per presentare una nuova fideiussione” da 2 milioni di euro.

Leggi anche:  Stop al polo logistico di Manerbio: il Tar si schiera con Legambiente

TORNA ALL’HOMEPAGE