Controlli fiscali “pilotati”: imprenditore condannato e 7 rinviati a giudizio. Una pena di cinque anni per il castrezzatese Mauro Sala.

Controlli fiscali “pilotati” – imprenditore condannato

Continua la vicenda giudiziaria legata ai controlli fiscali “pilotati”. Dopo il patteggiamento del tenente della Guardia di Finanza Antonio Romano e della titolare dello studio di consulenza di Castrezzato Natalina Noli che hanno “concordato” rispettivamente una pena a 4 anni e 4 mesi e 3 anni e 4 mesi, oggi è toccato all’imprenditore castrezzatese Mauro Sala. Per lui sono 5 gli anni inflitti per corruzione.

LEGGI ANCHE:Controlli fiscali pilotati: il pm chiede il processo per finanzieri e professionisti

7 rinviati a giudizio

Sette persone sono invece state rinviate a giudizio. Prosciolto da tutti i capi di imputazione Adriano Casali, marito di Natalina Noli, la titolare dello studio di consulenza di Castrezzato finito al centro dell’inchiesta che aveva portato all’arresto, a vario titolo di corruzione, favoreggiamento e accesso abusivo a sistemi riservati, di militari della Guardia di Finanza, di professionisti e avvocati della Bassa, della Franciacorta e di Brescia. Si tornerà in aula a marzo.

Leggi anche:  Terrazzo Musicale e Librellule protagonisti al Pirellone

Una messa alla prova

Nell’inchiesta era stato coinvolto anche l’ex comandante della Polizia Locale di Castrezzato, Matteo Olivari (ora a Roncadelle): il suo avvocato ha chiesto la messa alla prova e la decisione verrà presa in occasione di un’altra udienza.

L’articolo completo in edicola a partire da domani, venerdì 17 gennaio, sul nuovo numero di ChiariWeek.

TORNA ALLA HOME