Controlli a tappeto da parte dei militari della stazione di Verolanuova: 75 pattuglie, 160 militari e 450 persone sotto la lente da Magnolo, Ghedi, Orzinuovi e Manerbio.

Controlli a tappeto, trovato un ricercato

Tre giorni intensi quelli che hanno vissuto i Carabinieri di Verolanuova, che hanno messo in atto una serie di controlli a tappeto su tutto il territorio per vigilare e mantenere la sicurezza. Sono state controllate 450 persone e 210 veicoli. Si è proceduto all’arresto di un cittadino marocchino 40enne, irregolare, rintracciato in Manerbio nel corso dei controlli nei pressi delle palazzine popolari di piazza Aldo Moro dove si nascondeva in quanto colpito da Ordine di Carcerazione a seguito di una condanna definitiva a 2 anni e mesi 3 di carcere per la commissione di una rapina, furto e ricettazione, avvenuti tra il 2014 e il 2016.

Denunce a piede libero

A Bagnolo Mella sono stati denunciati due rumeni di 20 anni, nullafacenti e senza fissa dimora, trovati in possesso di uno storditore elettrico e arnesi atti per lo scasso. A Orzinuovi invece, due bresciani di origine Sinti sono stati trovati in possesso di due carte di credito nella Vtl, presumibilmente oggetto di furto o clonazione.

Leggi anche:  Solidarietà dopo il raid nazista nel bar

Patenti ritirate e droga

C’è stata anche una segnalazione alla Prefettura per un cittadino italiano quale assuntore di sostanze stupefacenti con il sequestro di tre grammi di hashish. Tre le patenti che sono state sequestrate e infine, un 70enne, che ieri pomeriggio si è presentato alla stazione di Manerbio completamente ubriaco per chiedere delle informazioni. Il militare di servizio, notando dalle telecamere l’andatura quanto meno incerta del veicolo durante il parcheggio e lo stato dell’anziano, inizialmente lo ha tranquillizzato, per poi farlo venire a prendere dalla figlia ritirandogli la patente e fermando il veicolo per guida in stato di ebbrezza.

TORNA ALLA HOME