Controlli a tappeto: due arresti e cinque denunce per guida in stato di ebbrezza. I carabinieri di Breno hanno effettuato controlli nell’intera valle.

Controlli a tappeto

Anche questo fine settimana i Carabinieri della Compagnia di Breno hanno intensificato i servizi di controllo del territorio sull’intera giurisdizione di competenza da Pisogne fino a Ponte di Legno. Gli obiettivi erano due: contrasto allo spaccio e all’uso di sostanze stupefacenti, prevenzione e sicurezza stradale. Numerosi i controlli nelle zone più frequentate dai giovani, in particolar modo a Darfo Boario Terme, Pisogne ed Artogne, oltre a posti di blocco istituiti lungo la SS42. Il bilancio complessivo è di due soggetti tratti in arresto, uno per droga e il secondo per evasione.

Gli episodi

Nella serata di sabato, i Carabinieri della Stazione di Darfo Boario hanno proceduto al controllo di un 43enne, originario del Marocco e residente a Cividate Camuno. L’uomo è stato fermato per un controllo di routine ma i militari non si sono limitati alla verifica dei documenti personali e dell’auto, ma insospettiti dal comportamento, hanno deciso di procedere ad una perquisizione. L’intuizione è stata giusta, in tasca lo straniero deteneva circa venti grammi di cocaina e seicento Euro in contanti. Sottoposto a rito direttissimo il Giudice ha convalidato l’arresto disponendo l’obbligo di firma. Durante i controlli i Carabinieri hanno arrestato un 51enne di Edolo trovato fuori dalla propria abitazione ove era stato messo agli arresti domiciliari con un provvedimento dell’Autorità Giudiziaria per reati inerenti la detenzione e lo spaccio di droga nell’alta valle. Il giudice lo aveva collocato ai domiciliari senza possibilità di uscire da casa. Altrettanto efficace è stata l’attività di controllo con l’etilometro. Cinque gli automobilisti trovati ubriachi e denunciati in stato di libertà.

Leggi anche:  Pauroso schianto fra auto e moto tra Palazzolo e Cologne

TORNA ALLA HOME