Dieci mesi di reclusione e pagamento delle spese processuali, con pena sospesa, e revoca della patente di guida: questa la sentenza emessa con rito abbreviato nei confronti dell’investitore di Vincenzo Benedetti, 96enne di Toscolano Maderno poi deceduto in seguito alle ferite riportate nell’incidente.

Condanna dopo la morte di Benedetti

Vincenzo Benedetti era stato investito il 30 gennaio 2017 mentre attraversava la Gardesana portando a mano la sua bicicletta, rincasando dopo aver fatto visita al figlio che porta avanti l’officina di famiglia.

C.M., 77enne di Lissone (Mb) era alla guida della sua auto, in direzione Salò, quando è avvenuto lo scontro.

Ora, dopo il rito abbreviato, il Tribunale di Brescia lo ha condannato a dieci mesi di reclusione e pagamento delle spese processuali, con pena sospesa, e revoca della patente di guida. 

La reazione

La dinamica è stata chiarita dalle rilevazioni eseguite dalla Polizia dopo l’incidente e dalle indagini successive – ha evidenziato Riccardo Rigonat, responsabile della sede di Sirmione di Giesse Risarcimento Danni, alla quale la famiglia del defunto si è rivolta – Oggi si chiude una vicenda di quelle che nessuna famiglia vorrebbe mai fronteggiare: la giustizia ha fatto il suo corso, ma la famiglia Benedetti sicuramente non potrà veder colmato il vuoto della perdita di un padre e nonno che per tutti era un punto di riferimento”.

 

Leggi anche:  Ragazzina investita sulle strisce a Rovato

 

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook Brescia e provincia Eventi e news

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale Brescia7giorni: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!