Cent’anni e non sentirli: la cazzaghese Teresa Orizio giovedì ha tagliato  il traguardo del secolo.

Cent’anni e non sentirli

Il segreto per arrivare a cento anni? Lavorare, mangiare poca carne e… “un goccino di grappa ogni tanto, il medico mi ha detto che fa bene”. E se lo dice Teresa Orizio, che giovedì circondata dai tantissimi parenti ha soffiato sulle sue cento candeline, qualcosa di vero deve pur esserci. Nata il 7 novembre del 1919 a Cà del Diaol, località di Cazzago San Martino, la decana ha trascorso la vita lavorando e dedicandosi alla sua famiglia: ha vissuto la guerra (uno dei suoi fratelli non era più tornato dalla Russia) e la povertà, ma senza mai perdersi d’animo. Ha visto il mondo trasformarsi purtroppo “non sempre il meglio”, trasmettendo a tutti i valori di una volta: arzilla e indipendente nonostante l’età non ha mai avuto figli, ma in compenso accanto a lei ha decine e decine di nipoti che guardano a lei come un esempio.

Leggi anche:  Brescia in lutto per il grande avvocato Giuseppe Frigo

L’articolo completo sul Chiari week in edicola da venerdì 15 novembre

TORNA ALLA HOME PAGE