All’interno della scuola dell’infanzia di Castenedolo vi è un caso di scabbia. A informare le famiglie una lettera del dirigente scolastico, Giorgio Becilli.

Caso di scabbia alla scuola dell’infanzia di Castenedolo

La direzione Sanitaria Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria Equipe Territoriale Igiene 1 Brescia ha informato che la persona affetta da malattia infettiva sarà allontanata dalla comunità scolastica fino al completamento della terapia e alla riammissione previo controllo da parte dell’Ats.

Sono considerati a rischio elevato di contagio i contatti stretti, mentre per quelli scolastici, nonostante il rischio di contagio sia molto limitato, viene attivata, in collaborazione con gli insegnanti, una sorveglianza di 60 giorni.

La comunicazione di Ats Brescia

In merito Ats Brescia comunica che: è un caso isolato per il quale, come da protocollo, è stata disposta la sospensione della frequenza dalle attività scolastiche fino al completamento del trattamento previsto, che viene effettuato sotto controllo di un medico specialista. Il bambino verrà riammesso a scuola quando sarà clinicamente guarito. A seguito della segnalazione del caso, questa Agenzia ha immediatamente inviato al dirigente scolastico l’informativa che trovi in allegato; compito del dirigente scolastico è quello di distribuire l’informativa ai genitori dei bambini frequentanti la scuola. Il protocollo per i casi di scabbia prevede una sorveglianza sanitaria di 60 giorni per le persone che sono state a contatto con la persona malata; tale sorveglianza è necessaria per l’individuazione precoce di casi secondari; in questo caso la sorveglianza terminerà il 26 marzo p.v. Ad oggi non è stato segnalato nessun caso secondario.

Leggi anche:  Castenedolo si ferma per l'ultimo saluto a Giovanni Rizzetti

TORNA ALLA HOME