Caos al cimitero, ricorso al Tar dei cittadini contro il Comune.

 

I cittadini sono ricorsi al Ttribunale Amministrativo

L’avevano annunciato, ed ora è realtà. I cittadini di Calcinatello coinvolti nella vicenda delle antiche tombe a piramide senza concessione hanno deciso di fare ricorso al Tar contro il Comune. Il ricorso chiede l’annullamento della delibera di Giunta n. 144 con la quale si annunciava l’avvio di una procedura di ricognizione degli spazi occupati dalle tombe a Piramide dei Cimiteri di Calcinatello e di Calcinato. Si chiede inoltre l’annullamento dell’avviso pubblico esposto ai Cimiteri e il riconoscimento del diritto d’uso sulla concessione delle sepolture per le piramidi esistenti da prima dell’entrata in vigore del Regio Decreto 21 dicembre 1942, n.1880 applicando l’istituto dell’immemorabile come previsto all’articolo 81 del Regolamento. Con la stessa delibera inoltre si impedisce, prima ancora di avere verificato, ogni futura sepoltura in quelle tombe fino alla fine della procedura di ricognizione prevista al 31 dicembre 2019.

L’inizio della vicenda tombe

La vicenda prende corpo più di un anno fa, quando alcuni cittadini di Calcinatello convocati telefonicamente negli uffici comunali per un presunto problema alle tombe, apprendono dai responsabili che le stesse non potevano essere considerate tombe di famiglia e che per tali sepolcri, non risultando nessuna concessione, si poteva porre soluzione solo sottoscrivendo una nuova concessione e pagando anche qualche anno di arretrato.

Leggi anche:  A fuoco il capanno di famiglia, solidarietà al vicesindaco Cinquetti

Fronte comune tra cittadini e consiglieri di minoranza

Vania Gobbetto: «Sindaco e assessori decidono di vietare per un anno le sepolture in tali tombe: mai una giunta è arrivata a tanto. Quando i cittadini si rivolgono al Tar, si è passata la misura»

Elena Ringhini: «La questione è chiaramente delicata perché va a rilevare non solo sul lato amministrativo, ma anche sul più delicato sentire comune. Ad oggi le famiglie titolari delle Piramidi non possono utilizzarle, quindi non possono seppellire lì i propri cari».

Libero Lorenzoni: «Ricorso in cui viene fatta palese l’incompetenza della giunta, commenta Lorenzoni, perchè hanno deciso in sala giunta, sindaco e assessori, su una questione che per legge deve essere discussa in consiglio comunale».

Ennio Allegri: «Permane infatti, il dubbio che con la delibera la Giunta Comunale di Calcinato, vietando l’utilizzo delle tombe dalla data di pubblicazione fino al 31/12/2019, abbia superato i suoi poteri intaccando le prerogative del Consiglio».

 

 

Marika Marenghi

 

Il servizio completo in tutte le edicole da venerdì 15 febbraio

Torna alla home