Cade dal tetto dell’azienda: il 74enne colognese non ce l’ha fatta. Il paese intero si è stretto attorno alla famiglia dell’imprenditore.

Cade dal tetto dell’azienda: il 74enne colognese non ce l’ha fatta

Gianluigi Ramponi non ce l’ha fatta. Sono state ore di preghiere e speranza. Ma il 74enne colognese, imprenditore in pensione, non è ruscito a riprendersi dopo la caduta di circa dieci metri avvenuta sabato a Mornico al Serio (BG). Imprenditore, ingegnere, ex presidente della Pallamano (guidava la società sportiva una quindicina di anni fa circa), nonostante fosse in pensione “era inarrestabile”. Sabato si è recato a Mornico per fare dei controlli, ma una volta salito sul tetto è avvenuta la tragedia.

Un fatale incidente

Un lucernario gli si è aperto sotto i piedi e Ramponi, che era salito sul tetto di copertura del suo capannone per controllare le infiltrazioni di acqua, è rovinato al suolo procurandosi diverse fratture. Con lui un amico che, accortosi che qualcosa non andava, si è accorto della gravissima caduta e ha chiamato i soccorsi. Ricoverato d’urgenza al Papa Giovanni XXIII è stato operato diverse volte. Ma le ferite riportate erano troppo gravi e il colognese non ce l’ha fatta.

Leggi anche:  A Manerbio una serata dedicata al futuro dei giovani

TORNA ALLA HOME PAGE