Anche quest’anno nella cornice solenne del Famedio verranno celebrati i cittadini illustri bresciani. La commemorazione quest’anno sarà dedicata a coloro che hanno pero la vita nel 2017 e verranno ricordate le figure degli anni ’70

La celebrazione

La logica seguita dalla commissione, composta da rappresentanti delle università, della stampa e del comune, ha portato ad una scelta unanime delle personalità che verranno ricordate quest’anno. La partecipazione alla celebrazione è aperta e libera. La popolazione è inoltre sollecitata a presenziare e mostrarsi unita davanti a questa importante e solenne celebrazione. Nell’occasione il soprano Marta Mari, accompagnato alla tastiera da Fabio Saleri, eseguirà arie sacre e arie tratte dal repertorio del melodramma. Alla musica faranno da contrappunto letteure a tema spirituale a cura di Luciano Bertoli.

I bresciani illustri

I tre bresciani ricordati per l’anno 2017 saranno, Giancarlo Facchinetti, uno dei compositori più importanti del Novecento a Brescia, famoso anche a livello nazionale, Maria Rosa Inzoli, medico, e fondatrice di grandi associazioni e realtà nel campo del volontariato, Leonardo Benevolo, grande urbanista, conosciuto a livello nazionale, autore di uno dei più importanti manuali di storia dell’urbanistica, che oggi fa ancora scuola. Andando a ritroso, la commissione ha scelto di commemorare alcune personalità eclettiche degli anni ’70, provenienti da mondi ed esperienze diversissime. Condensate in un elenco che riflette in tutti i suoi aspetti la “brescianità”. Renzo Castagneto, grande sportivo e colui che ha fatto ripartire la millemiglia, Angelo Gitti, fondatore di cisl brescia, Domenico Lusetti, artista e scultore, Federico Balestrieri, medico importante e dalla personalità vulcanica, Bruno Finzi, rettore del politecnico di Milano, Don Giacomo Vender, in quanto vero sacerdote di strada, che si prese cura delle baracche dell’oltremella, Padre Ottorino Marcolini, il quale verrà ricordato anche il 23 novembre, e con la sua cooperativa ha dato casa a 100mila persone, Giovan Battista Montini, papa Paolo VI, canonizzato Santo poche settimane fa, Vittorio Gatti, coraggiosissimo editore di figure del mondo civile e cattolico, che pubblicò inizialmente in epoca fascista, Fausto Lechi, ed infine Emilio Franchi.

Leggi anche:  Pozzi inquinati a Poncarale: continua il monitoraggio

Tutte le biografie dei cittadini del Famedio sono disponibili sul sito del comune di Brescia.

TORNA ALLA HOMEPAGE