La notizia è arrivata nella tarda mattinata di oggi, lunedì 7 gennaio 2019: sono quattro i bimbi morti all’ospedale di Brescia. Il numero dei decessi nel giro di una sola settimana sale insomma sale ancora, anche se la notizia è stata diffusa a diverse ore di distanza (il quarto bambino è volato in cielo sabato) e comunque dopo che il Ministro della Salute ha annunciato l’invio dei Carabinieri del Nas agli Spedali Civili e che la Regione ha ufficializzato l’istituzione di una commissione d’inchiesta ad hoc.

Bimbi morti in ospedale: giallo sulla causa

Ma anche la Procura indaga per omicidio colposo. Troppo ravvicinata la sequenza di morti che hanno visto coinvolti piccolissimi nel reparto di terapia intensiva neonatale. Dopo Ministero e Palazzo Lombardia, anche la Procura s’è mossa col pm Corinna Carrara, che sta raccogliendo le cartelle. Sotto la lente, un’infezione sistemica, di cui ancora non si conoscono le cause.

Il nosocomio si difende, ma…

Dall’ospedale sostengono la tesi della coincidenza ed escludono epidemie, ma il ministro Giulia Grillo e l’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera sono determinati ad andare fino in fondo.

La Regione ha disposto la convocazione di una Commissione d’inchiesta per far luce sulle cause dei decessi:

Abbiamo dato mandato all’ATS Brescia di disporre una Commissione d’inchiesta regionale al fine di avviare tutti i controlli necessari per accertare le cause dei tre decessi”, ha dichiarato l’assessore al Welfare Giulio Gallera CONTINUA, LEGGI TUTTO

La composizione della commissione regionale

La commissione voluta da Gallera è già operativa ed è composta da:

  • – dott.ssa Annamaria Indelicato, direttore sociosanitario ATS di Brescia;
  • – dott.ssa Giovanna Mangili, direttore dell’Unità Operativa Complessa di Patologia Neonatale dell’ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo;
  • – dott. Claudio Francesco Farina, direttore dell’Unità Operativa Complessa di Microbiologia e Virologia dell’ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo;
  • – dott. Domenico Castaldo, direttore dell’Unità Operativa Complessa di Medicina Legale dell’ASST Ovest Milanese;
  • – dott. Paolo Vigano’, direttore dell’Unità Operativa Complessa di Malattie Infettive dell’ASST Ovest Milanese;
  • – dott. Pietro Barbieri, Risk Manager dell’ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda di Milano;

“Gli esperti della Commissione – ha sottolineato Gallera – sono già a lavoro: sono state reperite le cartelle cliniche e messe a loro disposizione per una prima valutazione. Concluderanno i lavori entro 30 giorni”.

L’incredibile precedente di soli sei mesi fa

Un neonato morto, 8 bambini infettati in tutto, e un dolore che non lascia parole: è quanto accaduto a Brescia solo sei mesi fa. E sempre nello stesso reparto degli Spedali Civili. Era agosto, infatti, quando diversi neonati vennero colpiti dal batterio killer Serratia marcescens: uno di loro purtroppo morì poco dopo il parto, il 9 agosto.

Leggi anche:  Code in Tangenziale Sud per un incidente

ANCHE IN QUEL CASO LA REGIONE AVVIO’ UNA COMMISSIONE D’INCHIESTA:

Batterio killer: 6 neonati ancora in ospedale, medici indagati

Un caso anche a Lodi

Anche all’ospedale Maggiore di Lodi si è verificato un caso di morte di una neonata. E’ successo il 23 dicembre 2018. Non vi erano stati segnali preoccupanti, la gravidanza pareva andare per il verso giusto. E’ stato al momento del ricovero per il parto che le cose sono precipitate. In seguito al decesso, è stata disposta l’autopsia sul corpicino della piccola ed è stata aperta un’inchiesta dalla Procura. (LEGGI QUI TUTTA LA VICENDA)