Aspirante suicida viene salvato dai Carabinieri. E’ successo a Villanuova sul Clisi dove un uomo voleva buttarsi nel Chiese.

Aspirate suicida salvato

I Carabinieri della Stazione di Salò, coordinati dalla Centrale Operativa della Compagnia di Salò, hanno effettuato un intervento a Villanuova sul Clisi dove un cittadino di passaggio aveva notato un uomo seduto sul bordo del ponte che dava l’impressione di volersi gettare nel Chiese. I militari intervenuti con grande cautela, si sono avvicinati all’uomo, un 33enne del posto, che aveva già le gambe penzolanti nel vuoto. L’aspirante suicida, profondamente turbato, balbettava e dimostrava poco autocontrollo. I Carabinieri hanno quindi cercato di farsi spiegare le ragioni del gesto e piano piano intavolato una lunga e faticosa trattativa per convincerlo a desistere dalla sua intenzione.

L’uomo ha raccontato di vivere un profondo momento di sconforto connesso ad una crisi personale e familiare che avrebbe potuto avere ricadute anche sull’affidamento del figlio minore. I militare dopo essere riusciti a conquistare la fiducia dell’uomo lo hanno fatto desistere e scendere dal muretto, tenendolo sempre a distanza in modo da poterlo bloccare nel caso si fosse lasciato cadere. I Carabinieri sono quindi riusciti ad allontanarlo dal ponte e convinto a farsi visitare dai sanitari. L’uomo ha acconsentito a patto che i “suoi amici” carabinieri lo accompagnassero fino all’ambulanza. Prima che il portellone dell’ambulanza si chiudesse l’uomo ha ringraziato i militari che gli hanno salvato la vita.

Leggi anche:  Montagna di rifiuti nel lago: c'è un legame con i dati epidemiologici?

TORNA ALLA HOME