Nuovo colpo dei Carabinieri della Compagnia di Breno: i militari hanno arrestato un pregiudicato 56 enne di Darfo Boario Terme per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Il soggetto

L’operazione è stata portata a termine nel pomeriggio di venerdì 7 giugno. Il pusher si trovava agli arresti domiciliari poiché a febbraio, durante un posto di controllo eseguito a Pisogne sulla statale 42, era stato trovato in possesso di un etto di cocaina. Nonostante la misura cautelare in atto, non aveva interrotto gli illeciti, ma alquanto remunerativi traffici. Ieri i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno bussato alla sua porta: non si trattava di un controllo di routine per verificare se fosse regolarmente in casa, ma di una visita finalizzata a perquisire la sua abitazione.

L’operazione

I militari avevano ricevuto, nelle scorse settimane, diverse segnalazioni circa la presenza di soggetti sospetti che entravano in casa per poi uscire dopo pochi minuti. L’indicazione è risultata fondata, in quanto l’uomo aveva trasformato il suo appartamento in un supermercato della droga. In casa sono stati sequestrati 200 grammi di eroina e circa 130 grammi di cocaina. Una parte dell’eroina è stata trovata sotto il letto (circa 50 grammi) suddivisi in dieci involucri già confezionati e pronti allo spaccio. Purtroppo, come confermano gli ultimi importanti sequestri operati dai Carabinieri di Breno, il consumo di questa droga è aumentato nel territorio della valle e sta interessando sempre più i giovani che riescono ad acquistarla con poche decine di euro. Il resto dell’eroina e della polvere bianca è stata invece rinvenuta in un’ intercapedine del sottotetto.

Leggi anche:  Addio all'ex segretario di Fondazione Cogeme

Il Tribunale di Brescia ha convalidato l’arresto.

TORNA ALLA HOME PAGE