Arrestato tunisino per spaccio a Palazzolo. E’ successo a San Pancrazio. L’uomo è finito in manette grazie alle segnalazioni dei residenti della zona.

Arrestato per spaccio

Arrestato in flagranza di reato per spaccio. E’ successo negli scorsi giorni a San Pancrazio. In manette è finito un tunisino 30enne, clandestino e senza fissa dimora in Italia beccato dai carabinieri della stazione e i militari del Radiomobile.

Le segnalazioni

A segnalare la presenza sospetta ai carabinieri erano stati proprio i residenti in zona che avevano notato persone non del posto aggirarsi nei dintori. I militari hanno così organizzato un servizio mirato di osservazione nei pressi dell’ufficio postale. Qui hanno visto sopraggiungere l’auto, con a bordo il tunisino, che si è poi fermato in strada per vendere la merce a un altro soggetto che ha riceuto il tutto, in involucro di plastica, attraverso il finestrino.

Le manette

Riconosciuta l’attività di spaccio, prontamente i militari sono intervenuto per bloccare acquirente e  spacciatore, procedendo poi alla perquisizione dell’auto e dell’uomo. Nel veicolo del trentenne sono stati rinvenuti un involucro di cocaina di 0,75 grammi e 4 telefoni cellulari utilizzati per i contatti con i clienti. L’arrestato aveva addosso una scatola contenente altri 4 involucri con all’interno la medesima sostanza del peso complessivo di grammi 3,10 ed un coltello a serramanico. Il tutto è stato posto sotto sequetro.

Leggi anche:  Auto fuori strada all'imbocco della tangenziale a Capriolo

La convalida

L’arrestato è stato condotto il giorno seguente avanti al Giudice del tribunale di Brescia che ha convalidato l’arresto con una pena di 8 mesi con l’ordine di espulsione dal territorio nazionale.