Malgrado la veneranda età, 75 anni, non aveva esitato a commettere una rapina. Ma gli uomini del Commissariato l’hanno identificato e arrestato

I controlli

Il colpo è stato messo a segno giovedì pomeriggio  in via Cesare Battisti, a Brescia. Il malvivente, travisato con una parrucca, dopo essersi introdotto in una farmacia e sotto la minaccia di una pistola e dello spray al peperoncino, si è fatto consegnare da una dipendente l’incasso contenuto all’interno delle casse (circa 900 euro), dandosi poi alla fuga.
Ma, la prontezza del titolare della farmacia di avvisare immediatamente la sala operativa della Questura e degli agenti della volante, ha permesso di intercettare e bloccare nella vicina via Monte Suello l’autore della rapina. Durante la perquisizione personale, è stata rinvenuta la pistola – risultata poi essere giocattolo – e l’intera somma di denaro restituita dagli agenti al titolare della farmacia.

Il rapinatore di trans ed escort

L’altro indagato, un 43enne bresciano, è per  due rapine avvenute mercoledì pomeriggio a Brescia. Nel primo caso l’uomo, dopo aver fissato l’appuntamento con un transessuale, si è recato nel suo appartamento non per consumare un rapporto sessuale, ma per rubare l’incasso della giornata della vittima. Appena entrato in casa l’uomo con l’ausilio di un coltello ha minacciato il trans che, nel tentativo di difendersi, veniva ferito alle braccia da diverse coltellate (i medici gli hanno diagnosticato ferite guaribili in venti giorni). L’aggressore a quel punto lasciava l’abitazione dandosi alla fuga.
Immediatamente, intervenivano sul posto gli Agenti della Squadra Volante che, raccolti i primi indizi, allertavano i colleghi della Squadra Mobile. Poco dopo lo stesso aggressore si è reso protagonista di un’altra rapina avvenuta con le stesse modalità nei confronti di una escort. In questo caso, la donna non ha reagito consegnando all’aggressore soldi e smartphone. Le approfondite indagini della Polizia di Stato, hanno permesso agli investigatori della
Squadra Mobile in meno di 24 ore di individuare l’autore delle rapine all’interno della sua abitazione. Durante la perquisizione è stato rinvenuto il coltello ancora sporco di sangue, nonché il pantalone, anch’esso sporco di sangue.

Leggi anche:  Contrasto serrato al crimine: controlli straordinari sul territorio da parte della Questura di Brescia

TORNA ALLA HOME PAGE