Arrestato pusher che “lavorava abitualmente” a Pontoglio. E’ finito in manette grazie all’intuizione dei carabinieri di Chiari.

Arrestato pusher che “lavorava abitualmente” a Pontoglio

La sua attività non passava inosservata. Si recava al “lavoro”, sempre più spesso. E proprio le sue entrate (registrate dalle telecamere di lettura targa) in paese hanno insospettito i carabinieri della stazione di Chiari che sono riusciti a prenderlo. A.M., classe ’72, è finito in manette nella notte tra giovedì e venerdì. I militari in borghese, a seguito dell’incontro in paese con l’acquirente, hanno seguito l’uomo e “il cliente” poco distante, a Cividate, dove è avvenuto lo scambio. I militari hanno prima fermato l’acquirente, che possedeva una dose di coca, e poi l’uomo che se ne stava tranquillamente al bar. Inizialmente il pusher ha negato di possedere sostanza stupefacente, ma nella manica del giubbino era nascosto l’involucro della sorpresa degli ovetti Kinder contenente sei dosi di coca.

La perquisizione e l’arresto

A casa, a Corte Nuova (Bg) sono stati rivenuti ulteriori 22 grammi di coca, 3 di marijuana e 3mila euro, proventi dell’attività di spaccio. Tutto era ben nascosto, ma non è sfuggito ai militari. L’arresto è stato convalidato e l’uomo è ai domiciliari in attesa del processo.

Leggi anche:  Danneggiano il bancomat a colpi di accetta

TORNA ALLA HOMEPAGE