Un vero e proprio arsenale. Ecco cosa si sono trovati di fronte i carabinieri di Rovato, Vestone, Vobarno, Brescia Piazza Tebaldo Brusato e Piancogno. In manette due cinquantenni per violazione della normativa sulle armi.

Armi da guerra detenute illegalmente

I Carabinieri di Piazza Tebaldo Brusato e di Vestone, coordinandosi con i colleghi degli altri reparti, avevano intercettato una serie di persone che si sospettava potessero detenere illegalmente armi da guerra. Coordinati dalla Procura di Brescia, i militari hanno operato alcune perquisizioni domiciliari che hanno portato al sequestro di un vero e proprio arsenale.

Due cinquantenni in arresto

Il primo dei due arrestati è stato trovato in possesso di due mitragliatrici pesanti da guerra modello MG (per intendersi l’equipaggiamento dell’allora esercito nazista), due fucili mitragliatori M.A.B. “Moschetto Automatico Beretta”, un Moschetto 91 T.S. 1915. Ma anche di un fucile cecoslovacco, una baionetta ed una daga della Werhmacht e una pistola a canna lunga “flobert” modificata. Oltre a munizioni e diversi caricatori. Il secondo arrestato aveva invece un fucile Carcano, un fucile Voehrenbachm un M.A.B. “Moschetto Automatico Beretta”, nove pistole tra semiautomatiche e a tamburo. Oltre a caricatori, munizioni di vario calibro e una pistola lanciarazzi.

Leggi anche:  Inaugurato a Rovato il Murales di Cogeme

Elevata pericolosità

In entrambi i casi ci si è trovati in presenza di armi da guerra o clandestine, dal notevole potenziale offensivo. I due arrestati sono stati accompagnati nella Casa Circondariale di Brescia a disposizione della Procura. Nella giornata di ieri è avvenuta la convalida egli arresti